Ritorno alla home page della Provincia di Milano  Ritorno alla home page del Settore Cultura

Milano Città del Progetto - Sistema dei Musei d'Impresa della Provincia di Milano

» Presentazione
» Intervento Assessore
» Grandi Passioni Italiane 3
» Un secolo di design di    impresa
» Galleria fotografica
» Iscriviti alla mailing list
» Archivio iniziative
Membri del Sistema
» Kartellmuseo

Milano Città del Progetto - Sistema dei Musei d'Impresa della Provincia di Milano
MCP
Nel variegato panorama dei musei pubblici e privati situati nel territorio della Provincia di Milano si contano una serie di realtà riconducibili in misura diversa al concetto di Museo d’Impresa, organismi la cui missione prevalente sta nella conservazione e valorizzazione del patrimonio storico delle aziende. Questo consiste in documenti, testimonianze fisiche e memorie di grande interesse per la collettività. Consiste anche di prodotti e progetti che stanno alla base della moderna idea di design: dalle arti decorative al progetto industriale.

Si registra inoltre la presenza di un ricco tessuto di archivi aziendali, collezioni d’impresa e collezioni private che, pur non avendo assunto una forma museale, costituiscono a pieno titolo elementi imprescindibili per la conoscenza della cultura progettuale e produttiva che caratterizza la città contemporanea.

Nel 2004 la Provincia di Milano ha dato avvio al Sistema Museale Provinciale “Milano città del progetto”, una rete di musei aziendali, collezioni d’impresa,  realizzati e conservati dalle aziende del territorio, per favorire una maggiore conoscenza e una più ampia fruibilità di questo patrimonio dando concreta attuazione all’atto di indirizzo della Regione Lombardia per la creazione di sistemi museali locali.

Il sistema comprende cinque musei: il Kartellmuseo di Noviglio; la Zucchi Collection Museum di Milano; il Museo Scooter e Lambretta di Rodano; il Museo Alfa Romeo di Arese e lo Spazio Iso Rivolta a Bresso (attualmente in fase di allestimento) e due partner trasversali: la Fondazione ADI per il Design Italiano, istitutrice del Premio Compasso d’oro e proprietaria della sua collezione storica; e la Fondazione FAAR – Centro Studi CSAR, ente promotore di iniziative internazionali di ricerca e formazione nell’ambito dell’architettura e del disegno industriale.